I Consigli dell'Ayurveda Maharishi

È estate e fa caldo. L'Ayurveda Maharishi offre consigli "rinfrescanti" per riequilibrare il dosha Pitta: l'uso di lassi, buttermilk e ghee.

Lassi e buttermilk si preparano partendo dallo yogurt fresco di giornata, perché secondo l'Ayurveda Maharishi è più sano utilizzare sempre cibo fresco. Ciò è ancora più importante nei riguardi dello yogurt, che tende ad aumentare la propria acidità con il passare dei giorni. Il sapore acido aumenta Pitta che è già elevato d'estate e lassi e buttermilk preparati da yogurt acido non avrebbero un effetto rinfrescante.

Anche il ghee ha qualità rinfrescanti e inoltre è un ottimo antiossidante; a differenza dell'olio d'oliva mantiene le sue caratteristiche anche quando è utilizzato per cuocere a temperature più elevate.

Qui di seguito troverete la descrizione più completa di questi alimenti.


•  YOGURT
Nell'Ayurveda si dice che lo Yogurt aumenta l'appetito e la forza; aumenta il Dosha KAPHA, diminuisce VATA e aggrava (squilibra) PITTA. Lo Yogurt ha qualità calde e sapore acido, è quindi controindicato per chi ha problemi di tipo PITTA (disturbi gastrici, tipo gastrite - ulcera - acidità in genere).
Lo Yogurt e il formaggio non dovrebbero essere assunti alla sera, perché tendono a chiudere i canali del corpo se non vengono ben digeriti. Lo yogurt dovrebbe essere comunque sempre dolcificato o preso con altri cibi, anziché da solo. I fermenti contenuti nello yogurt sono benefici quando sono vivi ed attivi, quindi non si deve scaldare o cuocere per evitare di ucciderli.

L'Ayurveda sostiene che il modo migliore per assumere lo yogurt è sotto forma di Buttermilk o di Lassi; due ricette in cui semplicemente lo yogurt viene diluito con acqua. Per entrambe le ricette l'ideale è utilizzare yogurt fatto in casa.

•  BUTTERMILK
1 parte di yogurt + 1 parte di acqua (non calda) mescolare nel frullatore a bassa velocità; dopo 1-2 minuti si separerà la parte grassa, venendo in superficie, toglierla con una paletta, quello che rimane è il Buttermilk; aggiungere volendo delle spezie:
VATA              sale, oppure cumino, oppure dolcificarlo
PITTA              zucchero grezzo o di canna
KAPHA              zenzero, pepe nero e un pò di miele

•  LASSI
1 parte di yogurt + 3-4 parti di acqua, più le spezie come sopra.

Si possono bere a pranzo, durante e dopo il pasto.

Queste due bevande hanno effetti diversi dallo yogurt da solo. Rafforzano e migliorano la digestione e l'appetito. Pacificano (equilibrano) tutti e tre i Dosha e sono considerati molto utili per ognuno. L'uso delle spezie in generale in Ayurveda è molto consigliato per promuovere la digestione e quindi una buona formazione dei tessuti del corpo ed una buona eliminazione delle sostanze nocive, grazie all'effetto antiossidante degli oli essenziali contenuti nelle spezie.

• GHEE
Il Ghee è il Burro di una volta. L'Ayurveda, o Scienza della Vita, riconosce nel Ghee uno dei mezzi più efficaci per il ringiovanimento. Vale come elisir di vita, perché ha l'effetto di ringiovanimento e di rigenerazione delle cellule. Il Ghee è, assieme al latte e al miele, un elemento naturale e si usa nelle pietanze ayurvediche. È prodotto in forma naturale: il burro senza sale viene liberato dall'acqua e dagli elementi delle proteine in esso contenuti e cosi diviene un prodotto puramente naturale. Il Ghee ha molteplici usi, interni ed esterni. È un elemento nutrizionale di base. È da usarsi in ogni buona cucina; oltre che ad essere un elemento base da tenere in ogni casa come rimedio farmaceutico-casalingo. È usato per la produzione di cosmetici e di preparati ayurvedici. II Ghee insieme all'acqua è la cosa più importante per la purificazione del corpo.

L'Ayurveda senza Ghee non è nemmeno pensabile. Il Ghee è facilmente digeribile e spegne i bruciori dello stomaco. È assorbito facilmente dall'intestino per affluire direttamente alle cellule del corpo; aiutan a bilanciare lo stress e il nervosismo degli uomini del nostro tempo.

Il Ghee in cucina: Il Ghee viene utilizzato da tempo immemorabile per la preparazione del cibo. Già nel risorgimento era conosciuto accanto al bestiame e frumento come una ricchezza chiamata: l'oro liquido. La cucina ayurvedica usa il Ghee al posto del burro e dell'olio, rispetto ai quali è più conveniente dando buoni risultati con un consumo minimo.

Non necessita di refrigerazione, è facilmente digeribile ed il suo gusto leggermente dolce rende le pietanze più raffinate e piene nel gusto. Si usa per cucinare, friggere e arrostire perché si può scaldare e cuocere senza diminuire e quindi perdere le sue qualità: ogni altro olio o grasso ad alte temperature diventa difficilmente digeribile. Il Ghee è l'unico grasso che aiuta il corpo anziché appesantirlo. Questo grasso (Ghee) ha la particolarità di aiutare la digestione e le persone che devono evitare i grassi non devono con questo più rinunciare a dolci e fritture solo perché hanno problemi di colesterolo o malfunzionamento di fegato e bile; il Ghee tiene il colesterolo bilanciato. Ottimo per soffriggere spezie, per insaporire le verdure a vapore e per insaporire il pane con le spezie varie (ha la funzione del burro normale). Le sostanze chimiche, esempio pesticidi, che si trovano nei nostri cibi, sono smaltiti, attraverso il Ghee.

Il Ghee come rimedio casalingo: È possibile usarlo sia internamente, sia esternamente. Per questo è ritenuto un rimedio universale. Già dopo poche ore dal parto, la madre dà al suo bambino poche gocce di Ghee, che è ottimo anche per la pelle sensibile del nascituro. La madre lo prende come rilassante oltre che come digestivo. l'uso del Ghee durante i pasti elimina dal corpo congestionamenti pre-esistenti.

Al mattino protegge la pelle del viso, e si può usare anche come dopobarba; applicandone un poco nelle narici le pulisce e le protegge dai raffreddori; applicato la sera sotto i piedi aiuta ad avere un sonno salutare. Preso con il latte caldo ci aiuta a dormire meglio e nello stesso tempo al mattino si andrà regolarmente in bagno. Per gli occhi stanchi aiuta a togliere l'affaticamento e rinforza la vista durante la notte.

E molto adatto per togliere il trucco; protegge la pelle delle mani che tende a screpolarsi col freddo ed inoltre toglie lo sporco difficile dalle dita. Infine è un buon rimedio per togliere le macchie difficili come olio dai vestiti (assorbe molto bene), o per rinfrescare e ridare bellezza alle superfici come metalli, legno o materiale plastico.

Il Ghee in medicina: Nella farmacopea Ayurvedica esistono molti preparati che contengono come sostanza di base il Ghee. Questo Ghee usato in medicina contiene diversi estratti di piante medicamentose, che sono preparati con delle regole ferree, e poi mescolati insieme (al Ghee). È un rimedio ayurvedico che ha molteplici usi: internamente come medicina per determinate e specifiche malattie; esternamente usato come crema da massaggio o come impacco e frizione. Il potere terapeutico del Ghee come Rasayana (potere di guarigione naturale) combinato insieme alle erbe medicinali potenzia il loro potere curativo: ogni terapia ayurvedica inizia con una cura di Ghee, poiché nient'altro lega le scorie presenti  nel corpo, come il Ghee. Sulla lista degli elementi che riescono a legare a sé i radicali liberi, al primo posto,  lontano dalla vitamina A ed E che arrivano molto dopo, c'è proprio il Ghee, che ha sul nostro corpo l'effetto di allungare la vita, se usato costantemente.

Il Ghee rafforza i meccanismi di difesa del nostro corpo e il sistema immunitario, toglie il senso d'ansia e di nervosismo, purifica l'organismo da eventuali scorie, aiuta la produzione dell'OJAS (la nostra parte di radiazione, irraggiamento), nutre e rafforza il tessuto corporeo e i suoi sette componenti (plasma, sangue, ossa, midollo osseo ed i nervi), bilancia inoltre tutti e tre i principi del metabolismo (Vata, Pitta, Kapha = vento, fuoco, acqua) riduce il colesterolo, tranquillizza i nervi, rende le articolazioni più sciolte e fluide. Migliora le funzioni del nostro cervello, migliora l'intelligenza e la memoria, rafforza il fegato, pacifica i bruciori di stomaco, scioglie le tossine e toglie l'acidità del corpo, stimola la secrezione, crea e rende la pelle morbida, elastica, tonica e liscia.

Il Ghee e il suo contenuto  (composizione): Contiene le sostanze minerali; Na, Ka, Ca, Ph, Mg, Fe - Contiene le vitamine A, E Niacin - Contiene importanti grassi vegetali non solidi - Contiene importanti acidi non saturi - È esente da proteine animali - È esente da elementi, aggiunti. 

Il Ghee e la sua conservazione: Un buon Ghee dura nel tempo e non va mai a male. Secondo i testi ayurvedici il Ghee vecchio di 100 anni cura le malattie. Si può tenere a temperatura ambiente in quanto non necessita di essere conservato al fresco. Non sopporta l'umidità. Si consiglia di tenerlo in un recipiente dove non prenda luce.